novembre 26, 2015

Capitolo Terzo

Quel porco se n'è andato per un gioco linguistico. Glielo praticava una, conosciuta un'ora prima, una grassissima bellissima truccatissima, fotocopia delle ciccionissime sexy a cui da sempre riempiva buchi con la stessa collaudata professionalità con cui loro riempivano i suoi. Soprattutto quelli in cui aveva gettato moglie e figli, ricoperti poi da valanghe di denaro per accertarsi che vi rimanessero dentro. Aveva lasciato casa anni prima, senza far rumore, una carta di credito posata sul letto di ciascuno, e poi vai col VentoEC, un suv pacchianissimo ma capiente, utile per caricare un esercito di enormissime Helge, Olghe, Amande e Fatime, portarle nel suo boschetto privato e compensarle poi con crapule senza fine in ristoranti premiatissimi.

Era così mio padre Franz, ricchissimo elargitore, professione possidente. Uno che alla vista di un uomo o di una donna, naturalmente rotondi, capiva in un istante quanto avrebbe dovuto sborsare per assaggiare o farsi assaggiare. Tra un rotolo di ciccia e una botte di vino non ha avuto tempo di sospettare che vi fosse dell'altro: lui prendeva le solitudini che trovava in giro e ne faceva dei costosissimi lussuriosissimi passatempo.

Era grassissimo il mio ricchissimo padre Franz ed è morto in quel modo lì, con una lingua addosso. Ma l'etichetta è tutto e, agli ospiti accorsi al castello per la veglia, mia madre sciorina frottole che sfrigolano in calici di cristallo. Magrissima, si muove veloce tra i contriti, dirottando così su di sé pupille altrimenti arenate sull'addome del de cuius, la cui opulenza s'erge ben oltre la spalla della bara aperta, troppo bassa per poter contenere quel popò di papà. Di quando in quando mi maledice con uno sguardo, perché il falegname l'ho scelto io. Il fatto è che è preoccupata, ancora non sappiamo cosa ci sia nel testamento di mio padre, al momento solo il notaio sa se quel documento conferma le elargizioni o se è una coltellata postuma.
Mio padre è cadavere e l'unica novità è che noi forse siamo rovinati.

Nessun commento:

Posta un commento