ottobre 26, 2012

Maialina iaiai

Mia Musa, mia Gioia, son mica cingoli, questi qui, che levano lamenti arrugginiti tra le mura delle caserme? Che sia invece l'eco di suini da confezionare?
Sì.
Cedimi ora tu le tue carni rosa, che possa pasteggiare anch'io. Ma risparmiami, ti prego, simili strazi.
Ecco, afferra tu il manico, affonda la lama dove meglio credi. Io, intanto, dò fuoco al gas, appronto la padella. Shhhh, non dir niente. Vedi? Ora c'è solo fronde mosse dal vento laggiù, e io quassù, che mastico lento la tua tenerezza.

Nessun commento:

Posta un commento