aprile 08, 2011

Galileo: andar vestiti sommo male


Nessun ritratto, ahimé, ce lo ricorda com'era sul serio e, da quanto scrive, come avrebbe voluto vivere. Ma ecco, preso dal sito di ANITA, un testo che ispira generazioni di naturisti.

da "CONTRO IL PORTAR LA TOGA"
di Galileo Galilei (1590)

Io piglio un male a null'altro secondo,
Un mal che sia cagion degli altri mali,
Il maggior male che si trovi nel mondo;
Il quale ognun che vede senz'occhiali
Che sia l'andar vestito, tien per certo:
Questo lo sanno in sino gli animali,
Che vivono spogliati e allo scoperto;
E sia pur l'aria calda o'l tempo crudo,
Non istan mai vestiti o al coperto.
Volgo poi l'argomento e ti conchiudo,
E ti fo confessare a tuo dispetto,
Che'l sommo ben sarebbe andare ignudo.

E perché vegghi che quel ch'io ho detto
E' chiaro e certo e sta com'io lo dico,
Al senso e alla ragion te ne rimetto.
Volgiti a quel felice tempo antico,
Privo d'ogni malizia e d'ogni inganno,
Ch'ebbe sì la natura e'l cielo amico;
E troverai che tutto quanto l'anno
Andava nud'ognun, picciol e grande,
Come dicon i libri che lo sanno.
Non ch'altro, e non portavon le mutande,
Ma quant'era in altrui di buono o bello
Stava scoperto da tutte le bande.

Un'altra cosa mi fa strabiliare,
E sto per dirti quasi ch'io c'impazzo,
Né so trovar com'ella possa stare:
Ed è, che se qualcun per suo sollazzo,
Sendo 'ngegnoso e alto di cervello,
Talor va ignudo, e' dicon ch'egli è pazzo:
I ragazzi gli gridan: Véllo, véllo;
Chi gli fa pulce secche e chi lo morde,
Traggongli sassi e fannogli il bordello;
Altri lo vuol legar con delle corde,
Come se l'uomo fusse una vitella:
Guarda se le persone son balorde!

E se tu credi che questa sia bella,
E' bisogna che 'n cielo, al parer mio,
Regni qualche pianeto o qualche stella.
Però se vuol così Domenedio,
Che finalmente può far ciò che vuole,
Io son contento andar vestito anch'io,
E non ci starò a far altre parole:
Andommen anch'io dietro a questa voga;
Ma Dio sa lui, se me n'incresce e duole!

Nessun commento:

Posta un commento